Sonett-Forum

Normale Version: Zech, Philippus Nerius: Al Re
Du siehst gerade eine vereinfachte Darstellung unserer Inhalte. Normale Ansicht mit richtiger Formatierung.
Philippus Nerius Zech
1775 - ?


Al Re.
Regensburg den 16. Oktober 1830

Cantai gia il Tuo Padre, cantar oggi
Voglio Te del Suo trono degno Erede,
Siccome delle Sue virtù Diede
Impulso il Tuo arrivo su nosti poggi,

Sede gia de' Re, Ducci! ch' alloggi
Fra noi Tu adesso (allonito chi erede?)
L'amor, che Ti porttiamo, e la fede
Vigor riprende, ed in tutti nostri alloggi

Il giubillo risuona; e l'Istro stesso
Di Te superbo assume nouvo brio,
Gira rapido piu i suoi flutti.

E noi taciam, pia stupidi d'esso?
No! Eoviva, e benedica Te Iddio,
Esclamiam di tutto il cuore tutti.



.