Sonett-Forum

Normale Version: Di gran vantag[g]io fu 'l carro prestato.
Du siehst gerade eine vereinfachte Darstellung unserer Inhalte. Normale Ansicht mit richtiger Formatierung.
Di gran vantag[g]io fu 'l carro prestato.
Venusso ben matin v'è su salita,
E sì sacciate ch'ell'era guernita
E d'arco e di brandon ben impennato;
E seco porta fuoco temperato.
Così da Ciceron sì s'è partita,
E dritta all'oste del figl[i]uol n'è ita
Con suo' colombi che 'l car[r]'àn tirato.
Lo Dio d'Amor sì avea rotte le trieve
Prima che Veno vi fosse arivata,
Ché troppo gli parea l'atender grieve.
Venus[so] dritta a lui sì se n'è andata,
Sì disse: "Figl[i]uol, non dottar, ché 'n brieve
Questa fortez[z]a no' avremo ater[r]ata.